Associazione Anna De Sio Tutte le attività Premio Anna De Sio Eventi e dibattiti Pubblicazioni Informazioni e Contatti

mercoledì 17 maggio 2017

Gli studi sull'antropologia orfica di Giuliana Scalera McClintock

di Aniello Fioccola - in Testi


Il 10 maggio alle 16.30 si è tenuta all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” - nella nobile e prestigiosa sede di palazzo Corigliano (un palazzo edificato nel Cinquecento e poi nel Settecento acquistato e ristrutturato dal duca Agostino Saluzzo) - la presentazione del libro di Giuliana Scalera McClintock, L’antica natura titanica. Studi sull’antropogonia orfica (Napoli, OXP, Collana di Studi Storico-religiosi, 2016, pp. 210).

I lavori sono cominciati con un breve intervento della prof.ssa Amneris Rosselli, che ha presieduto la discussione.
La Rosselli, nel suo limpido intervento, ha fornito un schema del libro, composto di due sezioni: una prima, di saggistica, dedicata alla questione orfica e al mito delle origini del genere umano nella versione riportata da Olimpiodoro nel suo commento al Fedone; la seconda sezione, costituita da una raccolta di fonti con traduzioni e commenti, disposte in ordine cronologico, fonti nelle quali è possibile attestare o intuire la presenza del mito.
La prof.ssa Roselli, enumerando le fonti, ha notato che il racconto della natura titanica umana sembra cominciare con Platone (in una famosa testimonianza delle Leggi) e finire con i Neoplatonici.

Ha preso poi la parola il prof. Bernabè dell’Università Complutense di Madrid. Il prof. Bernabé è l’autore della più autorevole raccolta di scritti orfici attualmente in circolazione e adottata all’unanimità dalla comunità degli studiosi (Poetae epici Graeci. Testimonia et fragmenta, Munich-Leipzig 2004 e 2005; Berlin-New-New York 2007).
Anziché soffermarsi sul libro di cui ha elogiato la prospettiva multidisciplinare, il prof. Bernabè ha preferito proporre il commento di un singolo testo: il papiro di Gurob di cui condivide con l’autrice l’idea che si riferisca a un rituale iniziatico che mette in atto una drammatizzazione del mito. Su alcune linee, tuttavia, il prof. Bernabè si discosta dall’edizione dal testo adottata da Giuliana Scalera.
Il Papiro di Gurob, proveniente dall’Egitto tolemaico, è un testo relativamente antico, del III sec. a. C., conservato solo parzialmente, e contiene oltre a descrizioni di azioni rituali con relative formule da pronunciare, i nomi delle principali divinità implicate nella vicenda mitica dello smembramento di Dioniso.
Il prof. Bernabè ha fatto osservare che gli elementi letterari e rituali presenti nel papiro si trovano in ambiti religiosi diversi, ma che solo nella tradizione orfica compaiono tutti insieme.
Il papiro, quindi, deve essere considerato non un esempio dell’eclettismo alessandrino, ma una vera e propria attestazione della traditio (paradosis) orfica, affidata sostanzialmente al testo scritto.
Ferma restando l’attribuzione orfica del papiro, il prof. Bernabè ha cercato di dar ragione del fatto che alcune linee conservate attestino la celebrazione di un sacrificio cruento - il che sarebbe in contrasto con la dottrina orfica che vieta di astenersi da ogni spargimento di sangue (phonos).
La spiegazione adottata è che il sacrificio farebbe parte dell’iniziazione. Gli iniziandi si porrebbero nella condizione dei Titani che mangiarono la carne del dio accedendo per l’ultima volta a un pasto cruento. Da quel momento in poi la loro vita si eserciterà in purezza.
Da qui una proposta di emendamento per la linea 15, ricostruita da Hordern: “il non iniziato non assista”. A non assistere, a tenersi appartati dovrebbero essere i già iniziati che hanno ormai adottato l’orphikos bios.

Dopo il prof. Bernabè ha preso la parola prof. Sassi, docente di Storia della filosofia antica presso l'Università di Pisa, ritornando sulla prima parte del libro e illustrando i punti salienti della questione orfica così come ricostruita da Giuliana Scalera.
A partire dall’idea neoplatonica di un’antica sapienza originaria che avrebbe preceduto la filosofia, adottata in seguito dai filosofi rinascimentali, l’orfismo sarebbe diventato tra fine Ottocento e inizio Novecento la posta in gioco di uno scontro tra misticismo e ragione. Di questa eredità ideologica il dibattito non si sarebbe ancora liberato, malgrado le innumerevoli testimonianze dirette che hanno integrato le informazioni prevalentemente indirette su cui lavoravano gli storici del Novecento.
La prof.ssa Sassi ha mostrato poi qualche perplessità circa le conclusioni cui il libro perviene in merito alla presunta antichità del mito. Per superare la difficoltà di fonti eterogenee, l’autrice si sarebbe “riparata” dietro Ricoeur, che in Finitudine e colpa (Paris 1960) aveva sostenuto che per tutta l’antichità classica non sarebbe possibile andare oltre un mito di situazione: l’anima e il corpo percepite come entità distinte. Solo con i neoplatonici si sarebbe giunti a un mito di origine pienamente elaborato, probabilmente contemporaneo alla sua esegesi filosofica, ma rivelatore in qualche modo “delle intenzioni dell’inizio”. Degno di rilievo, secondo la prof. Sassi, che questa elaborazione avrebbe avuto la sua spinta decisiva in Plotino che intrecciò il mito dello smembramento di Dioniso con quello dei riflessi dell’anima universale scomposti in uno specchio.

Ha preso infine la parola la prof.ssa Scalera, che ha ringraziato i relatori per i loro interventi, pieni di suggestioni e di suggerimenti per la sua ricerca.
Circa la rilettura della l.15 proposta dal prof. Bernabè ha affermato che benché l’argomentazione le sia sembrata molto convincente, non si sente di escludere a priori l’ipotesi che ad essere esclusi da una parte della cerimonia fossero coloro che non si trovavano nello condizioni adeguate ad accedervi, per non aver ottemperato a qualcuna delle disposizioni rituali.
Circa le notazioni delle proff.sse Sassi e Roselli, Giuliana Scalera ha ammesso che la lettura ravvicinata delle fonti le ha fatto cogliere una divergenza di toni che ha complicato la materia anziché semplificarla. Non ha cercato di sciogliere le contraddizioni, ma ha messo anzi in evidenza lo slittamento emotivo e concettuale dei singoli nuclei di cui il mito è composto: genealogia e smembramento. Ad esempio, nelle fonti più antiche, nella formula che dice la duplicità della natura umana è ancora avvertibile un tono di orgoglio: “Sono figlio di Terra e di Cielo stellato, ma la mia stirpe è urania”, mentre non c’è più alcuno spazio per tale rivendicazione nei primi secoli dell’età cristiana.
Infine ha precisato che la chiave dell’interpretazione del mito le è stata offerta da Assmann, con la sua lettura della visione tanatologica espressa nel mito di Osiride e Iside (La morte come tema culturale, Torino 2002).
Negli insediamenti greci in Egitto del VI sec. a.C. si era avuta una fusione tra i rituali osiriaci e rituali dionisiaci basati sullo smembramento . In gioco era la dissoluzione dell’identità rappresentata dalla decomposizione del cadavere. L’identità doveva essere ricostituita, restituendo innanzitutto nuova unità il corpo.
Questo ad avviso dell’autrice è stata l’idea più antica dalla quale si è sviluppata poi quella di incolpare l’uomo stesso per il suo destino di morte e di decomposizione.

Si è chiusa così la discussione, molto ricca di spunti e di riflessioni. Non si è trattato di una semplice presentazione del libro, ma di un’occasione di meditati approfondimenti da parte degli intervenuti. Un dibattitto aperto, in altri termini, verso ulteriori ricerche che tengano conto del già fatto, ma siano disponibili a correzioni o modifiche di tesi già formulate.

Buona la presenza del pubblico, molto attento e interessato.


https://www.orientexpress.na.i...

AssociazioneAnnaDeSio.it

Premio Anna De Sio

Tesi Magistrali Premiate

Eventi e dibattiti

Testi

Contributi per altre attività

Pubblicazioni

Links

Informazioni e Contatti

Galleria di immagini

Informativa estesa sull'utilizzo dei cookie

© 2012 - 2019

Associazione Anna De Sio